Travel

Basilicata on the road:da Matera a Maratea

L’estate scorsa,proprio in questi giorni ho trascorso una bellissima settimana di vacanza con le amiche in giro per il sud Italia e precisamente tra Basilicata e Calabria.
Per me non è stata questa la prima volta in Lucania,c’ero già stata una decina di anni fa in vacanza sempre con gli amici ma,a differenza di stavolta,ero stata ospite a casa di amici del posto.
La nostra vacanza ha avuto come prima sosta Matera.

Come ho già detto,avevo già visitato questa città con i suoi famosissimi sassi ma ben poco mi ricordavo…
A Matera io e le mie amiche abbiamo alloggiato al B&B Cavea dove Fabrizio che ci ha accolto con grande cordialità nella sua struttura che si trova proprio all’interno del sasso caveoso.
Non aspettatevi il lusso in queste stanze,siete pur sempre all’interno di un sasso ma è caratteristico come ben pochi ne ho visti.
Scoprire la saggezza di Fabrizio,assaporare la tranquillità di un tempo ormai lontano,farci coinvolgere nel suo vivere slow ci ha riempito gli occhi di colori,bellezza e ci ha fatto vivere delle emozioni che ancora oggi sono vive nei miei ricordi.
Dopo alcune ore in compagnia di Fabrizio e seguendo i suoi  consigli,siamo andate alla scoperta della città e dei suoi sassi che ricordiamo essere patrimonio mondiale dell’Unesco.
Difficile riuscire a descrivere la magia di questi posti,le emozioni provate nel girare in questi luoghi..silenzio,ammirazione per le condizioni in cui per anni tante persone hanno vissuto,la scoperta di luoghi che è difficile pensare possano esistere.

i sassi di Matera

“Nelle grotte dei Sassi si cela la capitale dei contadini,il cuore nascosto della loro antica civiltà.
Chiunque veda Matera non può non restarne colpito tanto è espressiva e toccante la sua dolente bellezza”così descriveva Matera, Carlo Levi nel 1952.

 

Se capitate da queste parti vi consiglio di visitare oltre alle svariate chiese rupestri,anche la casa-grotta tipicamente arredata,con mobili e attrezzi d’epoca per avere un’idea precisa di come era organizzata la vita contadina  nelle case dei Sassi.
Impressionante pensare che al suo interno potessero vivere anche 10 persone.Sul pavimento stavano sdraiati i cani, le pecore, le capre, i maiali.
Ogni famiglia aveva, in genere, una sola di quelle grotte e ci dormivano tutti insieme,uomini,donne,bambini e bestie. 

Matera

Il giorno successivo,dopo una lenta colazione da Fabrizio siamo partite per continuare il nostro viaggio.
Un giro veloce sulle colline Lucane ed ecco che arriviamo all’antico borgo Craco che è attualmente disabitato,a causa di una frana che intorno agli anni ’70 ha costretto gli abitanti a trasferirsi nelle frazioni di Craco-Peschiera e Craco-Sant’Angelo.Da quel momento Craco è diventato un vero e proprio paese fantasma,uno dei rari esempi in Italia e da alcuni decenni entusiasma viaggiatori e numerosi registi che hanno scelto proprio il centro lucano per girare alcune scene dei loro film tra cui anche “Basilicata coast to coast” e “La Passione”.

Craco

Chiunque voglia avventurarsi a Craco deve tenere presente che è vietato avvicinarsi alle abitazioni,in quanto sussiste tutt’ora il pericolo di crollo.
Il panorama che si ammira dai piedi del paese però vi ripagherà ampiamente del tempo impiegato per raggiungerlo e del fatto di non potersi avvicinare più di tanto.
Terminato il nostro giro,abbiamo proseguito la nostra vacanza in Calabria per circa 2 giorni.

Come forse pochi sanno (ebbene si,anche noi non lo sapevamo e lo abbiamo scoperto in questa vacanza!)la Basilicata oltre che affacciarsi sullo Ionio,ha uno scorcio di 35 km anche sul Tirreno e in questi chilometri si può trovare la bellissima Maratea.

Maratea

Maratea..grotte,sentieri,torri e castelli,la statua del Cristo Redentore,il porto turistico,la montagna che arriva a 1505 metri e tanto tanto verde che contrasta con il profondo azzurro del mare,insomma un vero paradiso per gli occhi.
Per i suoi pittoreschi paesaggi costieri e montani,Maratea è conosciuta anche come “la Perla del Tirreno” ma viene anche chiamata “la città delle 44 chiese” per le sue numerose chiese, cappelle e monasteri,costruite in epoche e stili diversi,molte delle quali rappresentano un notevole patrimonio artistico-religioso.
Sulla cima del monte San Biagio potrete inoltre vedere la grande statua del Redentore che è stata completata nel 1965,con un impasto di cemento misto a marmo di Carrara.
Con i suoi 22 metri di altezza circa,è la statua più alta d’Italia e la sessantaseiesima più alta del mondo,nonché il più famoso monumento di Maratea. 

il Cristo Redentore di Maratea

Parlando invece di spiagge,noi ne abbiamo visitate solamente due ma ogni piccola spiaggia ed insenatura meriterebbe di essere visitata.
Bellissima la spiaggia Cala Jannita,ovvero la spiaggia con la sabbia vulcanica nera.
La spiaggia è molto bella,l’acqua a contrasto con la sabbia ha incredibili sfumature di blu.
Facilmente raggiungibile a piedi con una comoda scalinata che mentre si percorre,si possono vedere scorci sul mare selvaggi e bellissimi.

spiaggia nera di Maratea

L’altra spiaggia che abbiamo visitato è la Secca,uno dei più suggestivi angoli della costa marateota. Il panorama della spiaggetta è dominato dagli scogli e da u Tuppu,un singolare isolotto ricoperto di macchia verde.

spiaggia la Secca di Maratea

 

Posti bellissimi che meritano una visita…

 

firma

 

You Might Also Like...

6 Comments

  • Reply
    Francesca
    16 luglio 2015 at 14:52

    Bellissime foto!

  • Reply
    Andreea
    16 luglio 2015 at 20:01

    Che belle foto, ma anche perché i posti sono bellissimi. Beata te che sei riuscita ad andare !

    • Reply
      Barbara Baccarini
      16 luglio 2015 at 23:19

      diciamo che fare belle foto in posti splendidi così è semplice!!!

  • Reply
    Francesca
    16 luglio 2015 at 21:53

    Bellissimo articolo e foto..nonchè dirti che a Matera ci vado tutte le settimane e insieme al mio compagno ci piace ammirare dalla piccola terrazza sulla piazza lo scenario paesaggistico dei sassi..una passeggiata che ogni settimana rilassa mente e corpo..a maratea c’ero stata da bambina e che dire davvero splendido.

    • Reply
      Barbara Baccarini
      16 luglio 2015 at 23:20

      ecco giuro che ti invidio proprio…a Matera tutte le settimane?!
      io me ne sono innamorata..spero di riuscire a tornare presto!!!

Leave a Reply

CONSIGLIA Pizza tonno e cipolla